Skip to content

foto

Le organizzazioni di volontariato (OdV) in Italia gestiscono le proprie risorse in maniera oculata e sono economicamente e finanziariamente affidabili. Secondo lo studio presentato mercoledì 16 luglio a Roma a Palazzo Altieri e realizzato dalla Fondazione Volontariato e Partecipazione (Fvp) in collaborazione con il Centro Nazionale per il Volontariato (Cnv) e il Banco Popolare, l’81,5% delle OdV ha chiuso l’ultimo esercizio in pareggio o leggero utile. Le OdV riescono sempre di più a differenziare le fonti di entrata e a saldare i propri debiti, nonché a riscuotere i crediti verso terzi, nel rispetto dei tempi stabiliti. Solo il 2,2% del campione intervistato dichiara di avere difficoltà nei pagamenti di debito e il 2,6% a riscuotere crediti verso privati. Un vantaggio competitivo che sta generando interesse da parte del mondo bancario che fino ad oggi ha guardato poco al volontariato come ad un universo da apprezzare e sostenere con politiche creditizie che ne riconoscano il valore.

La prima ricerca “Le organizzazioni di Volontariato in Italia. Tra performances economiche, caratteri strutturali e questioni di credito“ sul rapporto fra istituti bancari e volontariato è stata presentata oggi (mercoledì 16 luglio) a Roma a Palazzo Altieri nel corso del convegno “Diamo credito al volontariato” organizzato da Cnv, Fvp e Banco Popolare, che nell’occasione ha lanciato un prodotto “Anticipo 5 per mille” che anticipa appunto il versamento delle quote del 5 per mille a chi ne ha diritto. La ricerca è stata presentata e discussa da Paola Tronu del Centro di Statistica Aziendale (CSA), società che ha curato la rilevazione condotta su circa 2000 questionari somministrati ad altrettanti presidenti di organizzazioni di volontariato secondo un campione rappresentativo per aree geografiche e settori di attività, e discussa da Nereo Zamaro dell’Istat. A introdurre la tavola rotonda sono stati il presidente del Banco Popolare Carlo Fratta Pasini e della Fvp Alessandro Bianchini. Sono poi intervenuti, moderati dal direttore di Volontariato Oggi Giulio Sensi, il sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Luigi Bobba, il Segretario Generale dell’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari Giuseppe De Lucia Lumeno il vice presidente Acri Vincenzo Marini Marini, il presidente di CSVnet Stefano Tabò, e il direttore della Caritas Italiana Mons. Francesco Soddu.

IL RAPPORTO FRA VOLONTARIATO E BANCHE – La rilevazione Fvp/Cnv ha indagato per la prima volta il rapporto fra istituti di credito e OdV. Un terzo selle OdV intervistate (31,5%) afferma che il rapporto con le banche non è soddisfacente né insoddisfacente, segno probabilmente di un’assenza di relazioni significative tra OdV e istituto bancario di riferimento. Una quota pressoché analoga (30,7%) giudica buono il rapporto. Il restante 18,5% delle OdV intervistate non ha alcun rapporto con le banche e una quota che nel complesso si attesta al 11,5% si mostra insoddisfatta o molto insoddisfatta.

LE ESIGENZE DELLE ODV RISPETTO ALLE BANCHE - Il contenimento dei costi dei conti correnti è di gran lunga l’intervento più richiesto dai presidenti delle OdV italiane agli istituti bancari (31,6%). Con minore intensità i presidenti delle OdV auspicano anche un au­mento della disponibilità verso i progetti del volontariato (17,1%) e un’attenzione a strumenti finanziari più mirati alle specificità delle OdV (11,4%).

L’EQUILIBRIO FINANZIARIO DELLE ODV - Dai risultati dell’indagine emerge un quadro di equilibrio economico complessivo delle OdV, le quali solo nel 13,4% dei casi accusano una chiusura in passivo della gestione economica per l’ultimo esercizio. Un dato importante se rapportato alle conclusioni contenute nella Relazione Annuale della Banca d’Italia, presentata il 31 maggio scorso, in cui si sottolinea come la quota di imprese industriali e di servizi italiane con almeno 20 addetti che ha conseguito un utile nel 2013 si attesti al 56%. Le OdV inoltre solo nel 2% dei casi dichiarano di non essere in grado di sostenere le spese correnti e solo nel 2,5% non forniscono una risposta, mentre il 62% afferma di essere pienamente in grado di fare fronte ad esse ed il 33,5% riesce a sostenerle sebbene con difficoltà.

RECORD DI SOLIDITA’ PER LE ODV DEL NORD-EST - Nel Nord-Est e Nord-Ovest la frequenza relativa di OdV che chiudono l’ultimo esercizio in leggero attivo è superiore a quella di Sud ed Isole, ma di misura inferiore rispetto al Centro. I risultati circa la capacità di fare fronte alle spese correnti vedono un posizionamento relativamente migliore delle OdV situate nel Nord-Est e Nord-Ovest che rispondono in modo pienamente positivo rispettivamente nel 65,9% e 64,8% dei casi contro il 60,4% di Sud ed Isole e 55,7% del Centro. La percentuale dei casi in cui la risposta è negativa è peraltro marginale e va dal 2,9% di Sud ed Isole allo 0,3% del Nord-Ovest.

LE ODV SALDANO I PROPRI DEBITI - Un altro aspetto determinante nel valutare l’equilibrio economico finanziario delle OdV, in questo specifico momento storico in cui la crisi economico-finanziaria impatta sulla liquidità e sulla regolarità dei pagamenti nei rapporti commerciali, è rappresentato dalle difficoltà incontrate nel saldare propri i debiti e nel riscuotere regolarmente i crediti vantati verso terzi. In base alle risposte ricevute dai presidenti alla somministrazione del questionario solo il 2,2% delle OdV dichiara di avere difficoltà a saldare i propri debiti verso i privati, l’1,8% verso le banche ed, infine, lo 0,6% verso gli Enti Pubblici.

LA DIFFICOLTA’ A RISCUOTERE CREDITI VERSO GLI ENTI PUBBLICI - Riguardo la riscossione dei crediti, il 2,6% delle OdV complessive riscontra problemi nei rapporti di carattere commerciale con i privati ed il 13,8% nei rapporti con gli enti pubblici, confermando le note difficoltà di quest’ultima nell’onorare i propri impegni finanziari nei confronti di terzi. Quando tali difficoltà sussistono, solo il 15% delle OdV complessive ha crediti in essere, esse si riverberano in modo grave sulla situazione di liquidità in una quota di casi contenuta, il 6,8%, mentre nel 32,4% risultano “difficili da sostenere”, rappresentando quindi un terreno potenziale per il supporto bancario. In quasi la metà dei casi (46,1%) le eventuali esigenze di liquidità emergenti vengono invece affrontati attingendo all’autofinanziamento.

IL RICORSO AL FINANZIAMENTO BANCARIO - Per quanto riguarda i prodotti bancari di finanziamento le OdV vi ricorrono in misura limitata per affrontare i problemi di liquidità causati dall’eventuale difficoltà a riscuotere i crediti verso privati ed enti pubblici. Fra quelle che hanno problemi di liquidità il ricorso a strumenti di finanziamento bancario avviene nel 48,7% dei casi, mentre la maggior parte delle OdV in difficoltà ricorre all’autofinanziamento. Gli strumenti bancari utilizzati sono: nell’8,6% dei casi mutui o prestiti bancari, una modalità di finanziamento preferita dalle OdV del settore del Volontariato Internazionale; nel 5,6% dei casi sconto di fatture, strumento prediletto dalle OdV del settore Sanitario e dei Beni ambientali; nel 3,3% dei casi anticipo su contratti/convenzioni, modalità di finanziamento diffusa soprattutto nel settore dei Beni Ambientali.

Per scaricare la ricerca completa clicca QUA.

Commenta

Dicci cosa ne pensi

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

Compila il form e invia