Skip to content

27184255796_4ff95e28b2_o

Temi scomodi, ma sviluppati in chiave costruttiva. Prende forma il programma culturale dell’ottava edizione del Festival Italiano del Volontariato che si svolge a Lucca in Piazza Napoleone dall’11 al 13 maggio organizzato dal Centro Nazionale per il Volontariato e dalla Fondazione Volontariato e Partecipazione. Volontariato Oggi anticipa quelli che saranno i temi al centro del programma culturale nei convegni di venerdì 11 e sabato 12 maggio. “L’indecenza di non esistere” è il titolo della prima giornata: nella mattinata inaugurale ci sarà la testimonianza di duepreti scomodi che al Nord e al Sud del Paese portano avanti coraggiosamente progetti per l’inclusione dei “dimenticati“.

Una di queste sessioni è sviluppata in collaborazione con l’Istituto Italiano della Donazione (IID) che presenterà nell’occasione l’apertura delle candidature per partecipare al grande programma nazionale per il Giorno del Dono, il 4 ottobre 2018. Nel pomeriggio spazio ad un dibattito originale sulla riforma del terzo settore (Dentro o fuori?) e ad un inedito convegno su nuove forme di partecipazione volontaria che vedranno anche il racconto dei tutori volontari di minori migranti non accompagnati. Sempre nel pomeriggio di venerdì si svolgerà il “Processo alle Ong“: dopo gli scandali, o i presunti tali, degli ultimi mesi un dibattito insieme al mondo delle Ong per condividere idee e strategie per rilanciare un’idea di solidarietà a rischio estinzione. Contemporaneamente sarà lo sport ad essere di nuovo protagonista del Festival con una tavola rotonda sul valore inclusivo della pratica sportiva.

La seconda giornata, sabato 12 maggio, sarà dedicata alle pratiche inclusive e costruttive: la mattina con un convegno (Nessuno escluso) sulle forme di inclusione sociale più efficaci e un seminario per giornalisti sul giornalismo costruttivo. Nel pomeriggio una tavola rotonda sulnuovo ruolo del volontariato nella riforma della Protezione Civile e molti altri eventi promossi dalle associazioni nazionali, regionali e locali che partecipano al Festival.

La domenica Piazza Napoleone diventerà una grande palestra a cielo aperto di cittadinanza attiva con attività di animazione per tutta la giornata.

 

Commenta

Dicci cosa ne pensi

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

Compila il form e invia